Peschiera del Garda (VR) - Frassino

Country/Area

Community

Peschiera del Garda (VR)

Place name

Frassino

Type of site

UNESCO-World Heritage Site (WH / S1)

Last edited by

Helena Seidl da...

Last update

Wed, 12/07/2016 - 12:12

Responsible for site

Responsibility unknown. Please contact Swiss Coordination Group UNESCO Palafittes.

Administrative contact

Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto via Aquileia, 7 I - 35139 Padova
Extension (ha): 
1,48
Height above sea level (m): 
64,00

Map of pile dwelling sites

Dating text

Dendrochronological dating:l 1709 and 1637 (± 12) cal BC. / Le analisi dendrocronologiche permettono di datare il sito tra il 1709 ed il 1637 (± 12) cal BC.

Description

This submerged pile settlement, located in the south-western part of the Laghetto del Frassino, was identified in the late 1980s by private divers, although finds of materials of archaeological interest, near the edge of the lake, were already known. The settlement lies today at a depth of about 3-4 metres, within the lake basin, inside the Natural Park. Many of the wooden piles have been preserved, driven vertically into the lowest stratum, which consists of a very volatile silty matrix. During the various search campaigns, ceramic elements of considerable interest were recovered, including brimmed cups with incised cruciform decorations, biconical cups with lugs on the body, cups with inward-turned brims and vertical strip handles, and other types placeable chronologically at a transition between the Early and Middle Bronze Age of the Lake Garda area. The research was conducted in the late 1980s and 1990s by a team led by L. Salzani and L. Fozzati of the Archaeological Superintendency of Veneto, using underwater excavation techniques. This work made possible a topographical survey, and samples of piles were taken for analysis and for dating the site. After the samples of the wooden elements had been collected, dendrochronological investigations were carried out on about 200 items. The finds recovered during these campaigns are kept at the Veneto Archaeological Superintendency. / La palafitta sommersa, collocata nell'area sud-occidentale del Laghetto del Frassino, è stata individuata verso la fine degli anni ottanta da alcuni privati, sebbene fossero già noti rinvenimenti di materiale di interesse archeologico effettuati nei pressi della sponda lacustre. L'abitato giace oggi ad una profondità di circa 3-4 metri all'interno del bacino lacuale che ricade nell'area-parco naturale. Si conservano buona parte dei legni infissi verticalmente nello strato di fondo, caratterizzato da una matrice limosa molto volatile. Durante le diverse campagne di ricerca sono stati recuperati alcuni elementi ceramici di notevole interesse, quali tazze ad orlo esoverso con decorazione a croce incisa, tazze biconiche con bugnette sulla carena, tazze troncoconiche con orlo introflesso ed ansa a nastro verticale ed altri tipi collocabili cronologicamente nella fase di passaggio tra l'antica e la media età del Bronzo del bacino benacense. Le ricerche sono state condotte con tecniche di scavo proprie dell'archeologia subacquea da un equipe guidata dal dott. L. Salzani e dal dott. L. Fozzati della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto, tra la fine degli anni '80 e gli anni '90 del secolo scorso. I lavori hanno consentito di realizzare un rilievo topografico e di procedere al prelievo di campionature di pali per le analisi utili alla datazione del sito. A seguito della campionatura degli elementi lignei si è proceduto ad indagini dendrocronologiche su circa 200 elementi. I reperti recuperati durante le campagne di ricerca sono conservati presso la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto.

Bibliography comment

SALZANI 1989; SALZANI, EVANS, FOZZATI 1989-90; FOZZATI et alii 2006.