Sirmione (BS) - Porto Galeazzi

Country/Area

Community

Sirmione (BS)

Place name

Porto Galeazzi

Type of site

Pile Dwelling Site (PD / S3)

Last edited by

admin

Last update

Thu, 02/19/2015 - 17:16

Responsible for site

Dott.ssa Maria Giuseppina Ruggiero
Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia
Via De Amicis 11
20123 MILANO
Tel: 02-89400555/216
e-mail: mariagiuseppina.ruggiero@beniculturali.it

Administrative contact

Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia Via Edmondo De Amicis, 11 I - 20123 Milano
Extension (ha): 
1,23
Height above sea level (m): 
64,00

Map of pile dwelling sites

Dating text

see Italian version (no translation available). /

Description

see Italian version (no translation available). / Ubicato sulla costa orientale della penisola di Sirmione, poco a Nord di Lugana Vecchia, l’insediamento di Porto Galeazzi è stato scoperto da R. Bisoli negli anni ’70 (recuperi tra il 1982 e il 1985 e nel 1988). Nel 2008 in occasione del controllo lungo il litorale di Sirmione per la sistemazione di ormeggi e campi boa è stata effettuata la perimetrazione dell’area occupata dalla palafitta di Porto Galeazzi (Metamauco 2008). L’area di estensione massima è stata calcolata in ca. 70 m, L’analisi dei reperti mostra che l’insediamento fu fondato all’inizio del Bronzo Antico ed alcuni manufatti denotano stretti legami con la precedente tradizione tardoeneolitica. Al momento, oltre alle fasi di BA I e BA II, resta da verificare la possibilità che la vita dell’abitato sia proseguita fino al Bronzo Medio, come sembra testimoniare un piccolo lotto di materiali (recuperi Bisoli 1988). Sono state realizzate analisi metallografiche su alcuni materiali (DE MARINIS 2000: analisi di Peter Northover, Oxford). I reperti sono presso l’area archeologica di Sirmione, in parte esposti e in parte conservati in magazzino.

Bibliography comment

CABS 1991, n.1614; DE MARINIS 1994; DE MARINIS 1998; DE MARINIS 2000; AA.VV. 2001; POGGIANI KELLER et alii 2005.